Home > Cosa vedere > Palazzo del Gran Maestro a Valletta: il più bello di Malta
Corridoio principale del Palazzo del Gran Maestro a Valletta

Palazzo del Gran Maestro a Valletta: il più bello di Malta

Il Palazzo del Gran Maestro è una delle attrazioni principali di Valletta: si tratta del più grande palazzo costruito in città, con un’area che occupa un intero isolato, ed uno dei più antichi. Conosciuto un tempo anche come Palazzo Pretorio, oggi ospita gli uffici del presidente maltese e l’Armeria.
Il Palazzo del Gran Maestro è stato da sempre la sede del governo maltese: prima con i Cavalieri, poi con gli inglesi e infine con la repubblica, ospitando l’ufficio del presidente e la Camera dei Rappresentanti.

La Storia del Palazzo del Gran Maestro

Il periodo dei cavalieri

Originariamente, il Palazzo del Gran Maestro doveva sorgere nella zona meridionale di Valletta; qui si trovavano infatti altri edifici importanti, come l’Auberge d’Italia. Il Gran Maestro Pierre de Monte trasferì la sede dei Cavalieri a Valletta e usò come dimora uno degli edifici che si trovavano qui. In seguito, l’Ordine dei Cavalieri acquistò l’abitazione e nel 1574 iniziò i lavori di ampliamento, per trasformarla nella residenza del Gran Maestro. Pochi anni dopo l’Auberge d’Italia fu spostata e il palazzo in cui aveva sede venne incorporato nel nuovo edificio. I gran Maestri successivi apportarono ulteriori modifiche ed ampliamenti, aggiungendo al palazzo nuovi elementi barocchi.

Il Palazzo dalla dominazione inglese ad oggi

Dal 1800, con la dominazione inglese, il Palazzo del Gran Maestro fu trasformato nella residenza ufficiale del Governatore di Malta, e fu quindi rinominato Palazzo del Governatore. Se i Gran Maestri si erano preoccupati più di fornire apporti decoratovi all’edificio, gli inglesi si assunsero il compito di apportare alcune modifiche architettoniche.

Dal 1921 al 2015, il Palazzo del Gran Maestro è stato la sede del Parlamento maltese e, con l’indipendenza, anche degli uffici del Presidente della Repubblica. Oggi, il nuovo Parlamento sorge vicino alle porte della città, ma il palazzo continua ad ospitare gli uffici del presidente.

Architettura esterna

Gli esterni rispecchiano lo stile manierista, semplice ed austero, di Cassar, l’architetto che ha progettato gran parte degli edifici di Valletta. Originariamente le mura erano dipinte in ocra rossa: il colore usato dall’Ordine per contrassegnare gli edifici pubblici.

La facciata principale, quella che si affaccia su Republic Street, è asimmetrica a causa delle continue modifiche apportate nei secoli. Ci sono due ingressi principali, entrambi con una porta ad arco circondata da un portale decorato; i portali sorreggono dei grandi balconi aperti. agli angoli sono visibili grosse bugne e, all’altezza del primo piano, dei lunghi balconi in legno. Sulla parte superiore, a livello del tetto, è presente una lunga cornice continua. La facciata laterale, invece, presenta un ingresso secondario che conduce ad uno dei cortili interni.

Gli interni

All’interno del Palazzo del Gran Maestro si trovano alcune sale aperte al pubblico, famose per le opere di alto livello in esse contenute. Come in tutti i palazzi dell’epoca, le stanze principali si trovano al primo piano, ovvero al Piano Nobile, mentre il piano sottostante ospitava le stalle, il magazzino e gli ambienti della servitù.

La sala del Trono

Dettaglio degli arazzi nella sala del trono

La Sala del Trono fu realizzata durante il comando del Gran Maestro Jean de la Cassiere. Questa sala fu in seguito adibita per ospitare ambasciatori e dignitari di alto rango. Oggi la Sala del Trono viene usata per le funzioni statali del presidente maltese. La parte superiore è decorata con un ciclo di affreschi di Matteo Perez d’Alecco sul Grande Assedio di Malta: è la narrazione visiva più completa esistente relativa a questa battaglia. Altri elementi degni di nota sono il soffitto a cassettoni originale e i lampadari del XVIII secolo.

La Sala degli Arazzi

La famosa Sala degli Arazzi, dove avvenivano le riunioni dei membri dell’Ordine, prende il nome dai preziosi arazzi Gobelins, Si tratta dell’unico set completo ed intatto esistente al mondo, dal titolo “Les teintures des Indies“, rappresentante la flora e la fauna di tre continenti: Sud America, India e Africa.

La Sala dell’Ambasciatore

Sala degli ambasciatori nel palazzo del Gran Maestro a Valletta

La Sala dell’Ambasciatore, conosciuta anche come la Sala Rossa perché decorata in cremisi, conserva l’originale mobilio Luigi XV, i ritratti di alcuni gran maestri e governatori, e un affresco che spiega la storia più antica dell’Ordine di San Giovanni.

Le altre stanze e corridoi del Palazzo sono arredate con oggetti ed armature appartenuti ai Cavalieri. Tutte le sale sono caratterizzate da un grande sfarzo, che rispecchia – nel suo piccolo – il tentativo dei Gran Maestri di imitare le grandi corti aristocratiche dell’epoca.

I cortili

I due piani del Palazzo del Gran Maestro si sviluppano attorno a due cortili: il Cortile di Nettuno e il Cortile del principe Alfredo, o Pinto’s Clock.

Il Cortile di Nettuno è il più grande dei due e prende il nome dalla statua in bronzo della divinità lì conservata. Nel cortile si torva anche una fontana risalente agli inizi del XVIII secolo e lungo una parete laterale sono esposti gli stemmi di alcuni Gran Maestri dell’Ordine.

Il cortile più piccolo è stato dedicato al principe Alfredo, figlio della regina Vittoria, in occasione della sua visita a Malta nel 1858. Questo cortile è anche conosciuto come “Pinto’s Clock”, perchè contiene la torre dell’orologio, progettata e realizzata nella prima metà del XVII secolo per volere del Gran Maestro Pinto. Sulla torre è visibile un orologio con quattro quadranti, che mostrano l’ora, il giorno e il mese e le fasi lunari. Alcuni ritengono che questo orologio sia molto più antico e che sia stato portato dall’isola di Rodi quando i Cavalieri si insediarono a Malta.

Informazioni utili

Il Palazzo è uno dei gioielli di Valletta, ma l’organizzazione lascia molto a desiderare: non ci sono cartelli o targhe in grado di spiegare cosa si sta vedendo, le sale sono visibili in pratica solo da un angolo, e la sala degli arazzi viene tenuta in penombra, per quanto esistano sistemi d’illuminazione rispettosi delle opere. Sinceramente, visto il prezzo del biglietto, ci si potrebbe aspettare qualcosa di più.

Come raggiungere il Palazzo del Gran Maestro

Il Palazzo del Gran Maestro si trova lungo Republic Street, ad un isolato dalla Concattedrale di San Giovanni Battista, affacciato su George’s Square. Dello stesso complesso fa parte anche il Palazzo dell’Armeria.

Orario di apertura

Il palazzo è aperto dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 16:30 (ultimo ingresso alle 16:00), il sabato e la domenica apre un’ora prima, alle 9:00. Il palazzo rimane chiuso il 24, 25 e 31 dicembre, il primo gennaio e il venerdì santo di Pasqua. Dato che all’interno del palazzo è anche sede del Presidente della Repubblica maltese, a volte può rimanere chiuso per lo svolgimento di funzioni ufficiali.

Biglietti

Il biglietto d’ingresso include anche quello per l’armeria, all’interno dello stesso edificio, ed è di 10 € per gli adulti tra i 18 e i 59 anni, 7 € per ragazzi fra i 12 e i 17 anni e i maggiori di 60 anni, 5 € per i bambini tra i 5 e gli 11 anni. Per i bambini fino a 6 anni l’ingresso è gratuito. Si può entrare con uno sconto del 50% usando la Malta Discount Card: dato che una carta può essere usata da due persone si può ripagare mezza carta già con l’ingresso al Palazzo: leggi come ottenerla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *